sabato 31 dicembre 2011

2012

Il tempo sfuma
i numeri si succedono
non esiste vera fine
non esiste vero inizio
sul filo di luce
nelle profondità delle radici
esiste una mutevole continuità

venerdì 23 dicembre 2011

albe infuocate inflamed sunrise

 







Photo by DoraBiondani

 
Photo by Dora Biondani




Cieli rossi d'oriente 
infuocati come l'inconscio che si risveglia

Red oriental skys
inflamed as the waking-up unconscios

martedì 20 dicembre 2011



Un giorno un samurai andò dal maestro spirituale Hakuin e chiese:
"Esiste un inferno? Esiste un paradiso? Se esistono da dove si entra?".
Era un semplice guerriero. I guerrieri sono privi di astuzia nelle mente.
I guerrieri conoscono solo due cose: la vita e la morte.
Il samurai non era venuto per imparare una dottrina, voleva sapere dov'erano le porte, per evitare l'inferno ed entrare in paradiso.
Hakuin chiese: "Chi sei tu?". Il guerriero rispose: "Sono un samurai".
In Giappone essere un samurai è motivo di grande orgoglio.
Significa essere un guerriero perfetto. Uno che non esiterebbe un attimo a dare la vita."Sono un grande guerriero, anche l'imperatore mi rispetta".
Hakuin rise e disse:"Tu, un samurai? Sembri un mendicante!"
L'uomo si sentì ferito nell'orgoglio. Sfoderò la spada, con l'intenzione di
uccidere Hakuin.
Il maestro rise: "Questa è la porta dell'inferno - disse - con questa spada, con questa collera, con questo ego, si apre quella porta".
Questo un guerriero lo può comprendere, così il samurai rinfoderò la spada...
e Hakuin disse: "Qui si apre la porta del paradiso".
L'inferno e il paradiso sono dentro di te. Entrambe le porte sono in te.
Quando ti comporti in modo inconsapevole, si apre la porta dell'inferno;
quando sei attento e consapevole, si apre la porta del paradiso.
La mente è sia paradiso che l'inferno, perchè la mente ha la capacità di
diventare sia l'uno che l'altro. Ma la gente continua a pensare che tutto esista in un luogo imprecisato all'esterno...

lunedì 19 dicembre 2011

In a manner of speaking

 
In a Manner of speaking
I just want to say
That I could never forget the way
You told me everything
By saying nothing

Oh give me the words
Give me the words
That tell me nothing
Ohohohoh give me the words
Give me the words
That tell me everything 
 
 
ci sono cose così grandi da non esistere parole per esprimerle. Amore, rabbia, verità...
there are thing that are too big to be expressed by words. Love, anger, truth...

venerdì 16 dicembre 2011

Song 1

I chose the poison
Can't see the reason why wine
Into my vein
Goes to my brain
I took the poison
In your direction
I've lost all affection
Lost inspiration

I came into this world

By the backdoor of your love
And the world, this is me true
I came into this world
The world, this is me true
It left me no surprises
I took the poison

He flows, the poison

Rips our life, I have left
Something I feared
Slowly appeared
I took the poison
I found a reason :
I tried in vain
To forget the pain

I came into this world

By the backdoor of your love
And the world, this is me true
I came into this world
And the world, this is me true
He left me no surprises
I took the poison 


Rule game

Io gatto di Wanda Wulz
E poi sapete com'è, 
succede che la parte che uno si assume diventa vera davvero,
la vita è così brava a sclerotizzare le cose,
e gli atteggiamenti diventano le scelte
(A.Tabucchi, "piccoli equivoci senza importanza")


sabato 10 dicembre 2011

there are nights


There are nights when you just don't want to go home. Nights that are made to walk in a sleeping city. Sometimes alone sometimes with someone by your side. Most of the time these are winter or spring nights. This week it happend to me two times with two different co-travellers. Both of the time I returned home but I felt the night and I wasn't able to fall asleep. I think that I just wanted to keep walking with the freezing air coming up and the silence. It's an indescrivable emotion of quiet and like a deja-vu. How difficult it is for me to share this with my co-traveller...I think they didn't realize I wasn't there anymore. How cool if they felt the same. 
I felt in this way for the first time sometime ago...the words you wrote to me are still here in my room...I almost forgot them. Today I read something again, the ink is starting disappear. And I remember. May I think it's all connected? I don't know. It seams a long time ago but I know that it's not due to the real time, there are only a few years in between that time and now...I think it's me. Some life ago, another one. Who may say? It's the whole week that I have felt as if I am not in my body anymore...it's like walking and living but seeing myself from apart. I don't completly realize what happend. This could be the reason why I'm not sleeping soon...as years ago and why I embrace the night. The time of possibilities. There is no new wind in these days...only a bit the snow's smell...but it's like I'm ready to go again. It has to be a really strange period if, also without the wind, I would like to go and change again.

mercoledì 7 dicembre 2011

 
’begin doing what you want to do now.
we are not living in eternity.
we have only this moment,
sparkling like a star in our hand,
~ and melting like a snowflake .. ’

- francis bacon sr

lunedì 5 dicembre 2011

Miracle a Le Havre

 
>>So there is no hope?
>>Miracles do happen
>>Not in my neighbourhood


Aki Kaurismaki ritorna con un film fatto di immagini che lasciano il segno, di primi piani, colori complementari, fotogrammi incisivi e al contempo delicati. Un film con personaggi dall'ironia sottile, quotidiana che ti strappa un sorriso o una risata senza strapparlo a loro.
Che piacere guardarlo in compagnia di una persona discreta e pacata che non disturba la serenità della sala quasi vuota di un cinema di perferia, di quelli che pian piano vanno in disuso. Un cinema che risente della recessione e ci si accoccola sotto le giacce a cercare di cogliere il calore del corpo e tenerlo. Mangiando cinture di liquirizia e bevendo acqua per non dormire, perchè fa molto cinema. E tornare a casa in macchina ripetendo le frasi "da tatuaggio del film".
Momenti di vita da conservare...piccoli miracoli anche loro nella loro perfetta armonia indisturbata.

Aki Kaurismaki it's back with a new film based on impressing images, close-up, complementary colour, amazing and soft frames. Characters that make a mark with their irony that let's you smile but not them.
What a pleasure watch it with a discret and quiet person in a suburban cinema that it's falling into disuse.
A cinema that is facing the crisis and so we had to stay under the coat to catch all the human warm. We ate liquorice and drank water to be sure to stay awake, and cause it was in the mood.
What a pelasure came back home by car talking about the sentences that could become a tatoo.
Moments in life that have to be preserved...small perfect hamonic miracles.




mercoledì 23 novembre 2011

Could science ruin the magic?

video

Today I watched on TED this amazing talk from Robin Ince (this is the link if you want the subtitles).

I love science and I think, as Robin that if you know the laws of universe you could even appreciate more the magic.
Just to give you an example form the video:
"Every person here, every decision that you've made today, every decision you've made in your life, you've not really made that decision, but in fact, every single permutation of those decisions is made, each one going off into a new universe. This is a wonderful idea. If you ever think that your life is rubbish always remember there's another you that's made much worse decision than that".

Ant this is a consideration of the quantum theory....

Aren't you curious enough?
Go watch the video.

venerdì 11 novembre 2011

11/11/11

Just a short post...I want only to give honour to this amazing date...
I have a lots of new thought going on inside and I have to understand what this is bringing me...
I know...think too much it's not so good but somethimes we have to reach the end of some feelings...

have a nice day travellers...

mercoledì 9 novembre 2011

Tomas Tranströmer



Motivo medievale
Sotto le nostre espressioni stupefatte
C’è sempre il cranio, il vuoto impenetrabile. Mentre
Il sole lento ruota nel cielo.
…………………………………….La partita a scacchi prosegue.
Un rumore di forbici da parrucchiere nei cespugli.
Il sole ruota lento nel cielo.
La partita a scacchi si interrompe sul pari.
…………………………………….Nel silenzio di un arcobaleno.

Premio nobel della letteratura del 2011...io solo oggi mi imbatto nelle sue poesie...e ne resto incantata...
a te viaggiatore questo assaggio...

Nobel prize in literature in the 2011...only today I have read his poems...and I'm charmed...sorry but I'm not able to find the correct translation in english...but you can find something on google, I'm sure...

venerdì 4 novembre 2011

how I want to be

Photo by Dora Biondani
"I'm a soldier,
but I don't know how to fight.
...
I'm the darkness,
but I want to be the light,
oh how I want to be,
oh how I want to be."
Angus & Julia Stone - Soldier

"I met him down by the bay, he said life is a stranger that wont go away"...

Life is a stranger and we try desperately to know her...we fight like soldier to be happy but we don't really know how to fight. The darkness it's around...we have only to understand that making peace with our dark side we can emphasize our light.

La vita è come un estraneo che cerchiamo disperatamente di conoscere...combattiamo come soldati per essere felici ma non sappiamo veramente come combattere. L'oscurità è attorno...dobbiamo solo capire che facendo pace con il nostro lato oscuro possiamo dare enfasi alla luce.

mercoledì 12 ottobre 2011

Paper Aeroplane

"I spilled the ink across the page trying to spell your name" (Angus & Julia Stone -Paper Aeroplane)
"Ho versato l'inchiosto su un foglio mentre cercavo di scrivere il tuo nome."

Scriviamo nomi e pensieri su aeroplani di carta per lanciarli nell'aria e lasciarli sparire sulle tracce del loro destino. Cullati dal vento per andare distanti da noi, per allontarli fisicamente dal presente e vederli perdere nel passato...per guarire o per cambiare.

We write names and thought on paper aeroplanes. We let them to flight in the air, to go away on their destiny trace. Crarried by the wind long away from us. We want push away them from the present and see them vanisched in the past...to be well, to change ourself.

giovedì 29 settembre 2011

Fragilità in Zoom - Fragility zooming

Photo by Dora Biondani...fragilità in zoom


Sembro un muro uniforme, sicuro, stabile senza incrinature, senza debolezze
ho imparato a sfumare per non far percepire 
le fragilità in zoom 

I seem a wall, stable without any crack, without weakness
I learn to shade to don't let you see my
fragility zooming

martedì 20 settembre 2011

Momenti astratti

La vita è un susseguirsi di momenti astratti, figure alternate a linee, colori e scale di grigi. Le sensazioni si alternano in un continuo susseguirsi di rumori, odori, ricordi, speranze...gli stati d'animo cambiano alla velocità della luce. Ci sentiamo vincenti, forti e sicuri di fronte agli eventi e poi un secondo dopo ci troviamo a rivedere da un altro punto di vista e ci sentiamo l'opposto. E poi dopo poco di nuovo al primo, e così via in una successione continua di impulsi...fino a creare il rumore bianco. Ci sorprendiamo a ridere e a piangere. Bipolarismo emozionale. Sentiamo che stiamo lavorando in meglio e al contempo abbiamo l'impressione di retrocedere. Crediamo di vivere nel presente ma non riusciamo davvero a bloccare nè il passato nè il futuro. Pensiamo di riuscire a bloccare dei pensieri, di riuscire a gestire delle situazioni che non sono nelle nostre corde e ci troviamo davanti a muri di linee che invece ci ricordano che siamo diversi, altri...o forse semplicemente ci incanalano verso nuove direzioni, smussano le strade per creare forme ancora più contorte, morbide forse ma contorte.
Mi sento immersa nel mio astratto personale dove forse ho perso la chiave di lettura e mi trovo a guardare forme prendere vita senza saperne capire il significato intrinseco. A volte mi sembra di riconoscere alcuni tratti e credo di saper definire ma poi mi accorgo che cambiano le sfumature e resto perplessa a guardare l'evoluzione.
Il disegno d'insieme diventa sempre più fitto e la gamma di sfumature sempre più varia...mi perdo in questa fuga di linee.

venerdì 2 settembre 2011

Gentilezze inaspettate/ unexpected gentleness

Photo by Dora Biondani
I just saw a new comment on this photo:
"the woman it's not a girl anymore. She is tired to fight; not because she decides to leave but because she has grown and she know for what it's needed to apply herself, what iis worth time, what o who love. She fight the good fight. She don't have time for lightly things. Life made she suffer enough. She walks head held high ...she turn and beckon herself" comment by Nicola Chiesa

I wrote a flickr mail to Nicola to say thanks cause I really appreciate this comment. It is poetry and I think that completly fit myself and the hard project I had during this year and that it's amost finisched. The photo is not so recent and perhaps I would never explain it in that way but right now that words completly describe me. And it's amazing that someone else wrote these commenting a photo. The photocamera sometimes puts ourself in front of the world also if we are thinking to hide ourself.

Ho appena visto questo commento a questa foto:
"La donna che non è più una ragazzina. La donna che è stanca di lottare; non per il fatto che si è lasciata andare ma perchè è cresciuta ed è consapevole per cosa bisogna impegnarsi, per cosa bisogna perdere tempo, per cosa o chi amare. Lei sa per cosa bisogna lottare. Nella sua vita non c'è più tempo per le cose "leggere". La vita l'ha fatta patire abbastanza. Lei cammina a testa alta.... si gira e accenna un saluto a se stessa." commento di Nicola Chiesa

Gli ho scritto subito una mail via flickr per ringraziarlo perchè ho davvero apprezzato il suo commento. E' un commento molto poetico che credo mi vesta come un abito sartoriale e rappresenti perfettamente la fine, ormai vicina, del duro progetto di autoritratti che mi ha vista impegnata quest'anno. La foto non è così recente (del 22/6/2011) e probabilmente non l'avrei mai descritta così ma in questo preciso momento penso che quelle parole mi descrivano ed è sconcertante che siano state scritte da qualcuno che non mi conosce come commento ad una mia foto. Penso che a volte la macchina fotografica ci metta di fronte al mondo anche se pensavamo di nasconderci.

mercoledì 24 agosto 2011

My little paradise :)

Since june I have been thinking about my little balcony...so sadly empty.
When I arrive back at my house this week I decided that I could be on holiday a bit more if I recreate a little paradise where I can have breakfast and dinner and work at my photos...
So today I went to the garden center I bought a little table, two chairs and a lot of small plants (oleander, daisy, sunflower, pomergrate, gardenia, erika, a little yellow plant and a chinese one so cute)...
Now I have my little paradise and I'm writing here....listening to the neighbour music that it's a tipical quite old italian song (see below) and watching the blue hour passing by...and everything is so...italian late summer nice pace...september it's near and that's my favourite month...my heart is joyfully waiting


Moglie e marito

Oggi ho ricevuto uno dei classici power point ironici fra moglie e marito...ovviamente innoltratomi da un uomo e chi altri...Il succo del discorso è semplice lei trova lui a letto con l'altra e lui per spiegare tira fuori tutti aneddoti (in forma ironica) da cui si capisce che la moglie lo trascura, non apprezza i suoi regali nè la sua famiglia e ovviamente non lo soddisfa sul talamo nuziale. Queste mail mi mettono sempre tristezza e voglia di ribattere ma se lo fai spesso viene tacciata come poco ironica e pesante, insomma vai a rimarcare i difetti della donna-moglie contro la leggerezza della donna-l'altra. Questa volta ho deciso di provare a rispondere con un power point analogo che prendesse le parti delle donne...prima volta in vita mia che cerco una di queste cose... Fiduciosa di google digito qualcosa tipo "barzellette ppt marito moglie" tutte dalla parte dell'uomo...non desisto provo sui più generici siti di power point simpatici...trovo un misero file che ne dice agli uomini ed è anche fin troppo aggressivo, ma di moglie e marito niente...giro per altri 10 minuti buoni....niente. Desisto e mando in risposta l'unico prower point trovato (solo perchè so che chi lo riceve è abbastanza intelligente da non offendersi) e insieme un altro allegato sul coraggio di rischiare (che agli ometti non fa mai male come suggerimento)...
nel frattempo ragiono....
ma cavolo possibile non ci sia nessuna presentazione scherzosa che difenda la donna...
ragiono un po' di più...
no mi sa che le donne LAVORANO.

giovedì 28 luglio 2011

24x7

>>Sei sicuro di avere solo 35 anni?
>>Perchè?
>>Ogni volta che parliamo è come se tu avessi vissuto mille vite, scopro cose nuove.
>>Basta solo vivere 24 ore al giorno 7 giorni su 7.

>>Are you sure to be 35?
>>Why?
>>Because every time I find something new about you, it seams you have lived thousand lifes.
>>You have only to live 24 hours a day 7 days a week.

martedì 26 luglio 2011

Viaggio al termine della notte / all night long trip

Guidare fino al termine della notte, sfidando sefamori e abbaglianti, guidare senza meta, senza perchè guidare per portare fisicamente la mente in un altro mondo. Guidare per trovare quella serenità che a volte sembra sfuggire e che non posso permettermi di perdere.

Drive until the end of the night, duelling with red light, with the full beam, drive without destination, without sense only to take my mind in some other world. Drive to find the evasive peace that I can't let go away.

(All photos by me: Dora Biondani)

martedì 19 luglio 2011

la legge del tempo/ time law

Dora Biondani Photos  

C'è chi viene alla ricerca di qualcosa di nuovo,
di emozioni non provate, di sentimenti nascosti, di incontri imprevedibili

There is someone coming, looking for new emotion never felt, deep feelings, erratic encounters







C'è chi se ne va alla ricerca di qualcosa di nuovo, di emozioni non provate, di sentimenti nascosti, di incontri imprevedibili

There is someone going away, looking for new emotion never felt, deep feelings, erratic encounters

Nel mezzo, c'è chi resta a guardare aspettanto qualcosa di nuovo, emozioni non provate, sentimenti nascosti, incontri imprevedibili

In between there is someone staying, waiting new emotion never felt, deep feelings, erratic encounters.

Chi ha ragione?
Who is right?

venerdì 15 luglio 2011

Mostri o bellezze?/ Monster or beauty?

(Photo post-process by Natalia Taffarel http://nataliataffarel.deviantart.com/gallery/?offset=72#/d177cz5 you can find all the references for the photo)

Do you have self-esteem problems? Everyone could tell you...so don't look at the models in the magazine...
Right now I'm giving you something more...look at Natalia Taffarel work on devianart
I'm an amateur photographer always looking for tutorial to improve my skills. Some days ago I went on Natalia blog and found the link to her work. She is a Digital Artist that works most with photogrphers and do the post-process of  their photos. It means that a photographer take the photos of the model with a set of expensive studio light, with the support of a make up artist, a stylist, an hair artist and all the stuff needed to have a beautiful shot. Then...Natalia starts to work. This only to let you know that the original photos you see in the stream aren't photos you can take at a birthday party after midnight or in a sunny day when you are sweating, but photos taken with all the rule of great photography...
Now...look at that stream and let your self-esteem improve a lot...
I mean, of course all the model are pretty girls, but human as everyone else...there are days that also a model has a pimple on her face but of course you will never see it in a photo...thanks to people like Natalia.
I smile when I ask to take photos of someone and I receive the answer " I'm not coming out well in photos"...I always reply..."this is all about the law of large numbers". The more you shot the more you have probability to obtain photos where you have a nice shape.
I assure you that also the models have some photos during a shoot where their faces looks like a monster...
So cheer-up...
Are you feeling better?
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Hai problemi di autostima? Tutti ti dicono di non guardare le foto delle modelle sulle riviste...
ti do qualcosa di meglio....vai a guardare il lavoro di Natalia Taffarel su devianart
Sono una appassionata di fotografia e vado spesso a cercare tutorial per migliorami. Qualche giorno fa sono capitata sul blog di Natalia e ho trovato il lin al suo lavoro. Natalia è una Digital Artist che lavora principalmente con fotogragi ed esegue il post.processing per loro. Questo vuol dire che dei fotografi scattano con una modella, con costose luci da studio, truccatrici di supporto, costumiste, parrucchieri e tutte le cose necessarie per uno scatto di quelli wow. Poi Natalia inizia lavorare. Questo per farvi capire che le foto che vedete non sono prese ad una festa di compleanno dopo ma mezzanotte o in una afosa giornata quando siete tutti sudati ma foto scattate seguendo tutti i crismi della buona fotografia.
Adesso guardate al suo lavoro...non sentite già la vostra autostima crescere?
Sicuramente quelle sono belle ragazze, ma umane come qualsiasi altra...ci sono giorni in cui anche le modelle hanno un brufolo sulla faccia ma ovviamente non lo vedrete mai nelle foto...grazie a persone come Natalia.
Sorrido quando chiedendo a delle persone di posare per me mi sento rispondere "non vengo bene in foto". Io repilico sempre "E' tutto legato alla teoria dei grandi numeri". Più foto fai più alta la probabilità che ci siano foto dove appari bene.
Vi assicuro che anche le modelle hanno delle foto durante ciascuna sessione dove sembra siano dei mostri...

Quindi su col morale
Vi sentite un po' meglio?

lunedì 11 luglio 2011

If

(photo by Dora Biondani from the Chagall exibition in Verona)

A volte i se della vita tornano. Quei punti, quelle scelte che ci hanno fatto percorrere una strada invece che un'altra. Ci si perde a pensare come potrebbe essere diversamente...senza sapere, si immagina qualcosa di migliore o diverso. Elucubrazioni inutili.

Somethimes the questions of life come back from the past. That choices that made us decide one side of the crossroad. We lost ourself thinking how it could be different if only...we don't know, we imagine it could be better or different. Useless thought.

martedì 5 luglio 2011

A love Story

http://vimeo.com/25451551

Shot entirely on the Nokia N8 mobile phone. Winner of the Nokia Shorts competition 2011.

Director: JW Griffiths
Producer: Kurban Kassam
Director of Photography: Christopher Moon
Editor: Marianne Kuopanportti
Sound Design: Mauricio d'Orey
Music composed by: Lennert Busch

 Non potevo non condividerlo subito...Grazie a Sara Lando che lo ha messo sul suo blog
Stupendo

I have to share it soon...Thanks to Sara Lando that share it on her blog
Pazzesco

mercoledì 22 giugno 2011

Imprenditori si nasce

Imprenditori si nasce c'è poco da fare. A volte mi imbatto in impeti di coraggio e di imprenditoria, se così si più chiamare, personale e mi viene da sorridere e a volte anche da rimproverarmi.
Ho sentito un compagno di università con cui non ero in contatto da molto tempo e chiaccherando è venuto fuori che ha raccolto le sue esperienze di vita all'estero in un libro a quattro mani scritto con un suo amico. Ora voi che vi aspettate? Beh io mi aspettavo fosse un passatempo giocoso, una cosa divertente e rilassante fatta per avere un qualcosa da rileggere in futuro e sorridere. Timidamente chiedo se posso leggerlo pensando ad una cosa personale e intima...mail di risposta mi ritrovo un link. Ancora ingenua immagino sia uno di quei contenitori pronti per lo sharing e che contenga un pdf da leggere così, alla buona...
vado al link curiosa e...sito di testata con libro in copertina rigida prezzo e aggiungi al carrello...
la prima reazione è stata chiudere il link e ripremere su quello della mail per vedere se mi ero sbagliata, tanto più che il libro è scritto sotto pseudonimi per cui...
niente era proprio il link giusto...e adesso ero incastrata...perdindirindina ora devo leggere sto libro ma mi devo iscrivere al sito, pagare e aspettare la spedizione per una cosa che pensavo amatoriale.
Poi ho ripensato all'autore e all'impressione che avevo di lui dai tempi dell'università e di certo è uno che sa essere imprenditore di se stesso e quasi scommetterei che non butta al caso nemmeno un secondo del suo tempo figuriamoci se lasciava così in latenza mesi di scrittura...
Inizio a leggere le 24 pagine disponibili giusto per, tanto so che oramai lo devo comperare anche perchè, come dire, il mio cuore e tenero e di fronte a tentativi di scrivere e comunicare si intenerisce sempre di più...
sono filantropa di mio.
Mi munisco del mio posta pay faccio l'iscrizione ad un sito che mai più guarderò, compito tutti i campi liberi per la spedizione, e via...fra tre giorni lavorativi sarà a casa dei miei e potrò andare a recuperarlo...
speriamo bene.
Mentre scrivo la mail in cui mi dichiaro ufficialmente finanziatrice e filantropa medito dentro di me...
bisognerà che alzi un po' la testa e impari da queste persone, io scrivo racconti, articoli, magari vinco concorsi di scrittura, pubblico le mie foto in giro e tutto sempre per quell'amore che mi spinge a condividere, comunicare, essere, vivere...bellissimi principi per carità ma magari con un po' più di impegno riuscirei...chissà...tentare costerebbe poco e alla peggio ci sarà qualcuno nell'etere che mi ride in faccia...ma come dico sempre, finchè mi ridono in faccia guardando il loro pc e io non li vedo...di certo non me ne avrò a male :)


To be businessman is an innate aptitude. Somethimes I see some stories of boldness and personal entrepreneurship that made me smile and, at the same time, balme myself. I wrote to a friend form the university that is now leaving abroad. We talked about how life is going and how was for him the first period in a different country. He told me that he has wrote a book in collaboration with a friend about this argument. I asked him if it was possible to read it. When I send this request I was thinking about a recreational book, something that you did just for fun and to have something to re-read in the future. In the e-mail he sent to me there was a link. I clicked on it waiting something like a link to a sharing web-site, expecting a pdf file to download. Nothing of this, the link was of a famous website where you can buy books and there was the cover of the book, the preview, the price and of course the possibilities to buy it.
Astonished I closed the web site and I clicked again on the link thinking in a possible error of the server. There wasn't any mistake. Then I thought at this friend and the idea I had of him and I understand that he is really a person that give valute at every thing he do and try to value all his work.
I started reading the preview sure that in the end I had to buy it, cause I promised to read it so...I have to. Moreover I always appreciate when people try to give their cultural contribute and to communicate with others.
I took my postapay card, completed all the spaces about me and where to send the book and...it's done in three working days the book will arrive at my parents house...I hope.
Writing the mail in which I define myself as a sponsor and a philantropic person, I was thinking...
I have to learn, I write, I also won some price with my tale, I share my photos and everything just for the joy to share and communicate and stay in touch...all good thinks ok but perhaps I could try to become more brave and try...and if someone will laugh of me...well until he is in front of his screen and I can't see him...there isn't any problem no?

giovedì 9 giugno 2011

Air is not enough

(photo by  Dora Biondani)



Air is not enough
Breast is moving fast
up down up down
it is not enough

Air is not enough
Brain is moving fast
past present future
it is not enough

Air is not enough
boundary is moving fast
near far near far
it is not enough

Manca l'aria
il petto muove veloce
su già su giù
non abbastanza

Manca l'aria
il cervello muove veloce
passato presente futuro
non abbastanza

Manca l'aria
il limite muove veloce
vicino lontano vicino lontano
non abbastanza

mercoledì 1 giugno 2011

Wind of change

Take me to the magic of the moment
On a glory night
Where the children of tomorrow share their dreams
With you and me 



Today is for heroes that would change the world, heroes that would go away in a stormy morning and vanish on the orizon. Today is for heroes waiting time elapse dreaming to change but not brave enough to leave. Both are facing their personal monster. Firsts fear to find something worse, seconds to never find something more.

Oggi è un giorno da eroi che vogliono cambiare il mondo, eroi che partono in una giornata tempestosa e scompaiono all'orizzonte.
Oggi è un giorno per eroi che fermi aspettano il tempo passare mentre sognano di cambiare ma senza il coraggio di lasciare. 
Entrambi stanno fronteggiando i loro mostri, i primi temono di trovare qualcosa di peggiore e secondi di non trovare mai qualcosa di più.






giovedì 26 maggio 2011

Life is precious


"Life is too precious to make anything less than the best out of it"

 I'm pretty sure you have just heard the story of the video. But it's the first time I see the video and I really love this story cause it gives me two important messages. 

The first one is to take care and appreciate everything you have cause there is always a reason to think positive also if you don't see it and somethimes simple think just as see the season changing are great miracle for some others.
The second one is the power of right words. You can say good things but if you are not able to put it in a good way you wouldn't obtain nothing, otherwise you can say thing that are difficult to face and that could hurt someone but if you say it in a good way, taking care to not hurt but only be onest...well it makes the difference.

I'm not sure to be completly able to do this two musts. Somethimes I forget how lucky I am and let the present become past without giving the moment the true value it has. I just wanna improve to love every single minute...cause time it's the best gift we have and we mustn't let it flow away.
About what I say...well I have had a lots of courses about communication and I'm aware of all the principle. I try my best to use right words but I'm not sure it always work...somethimes perhaps the menaning of thing it's only to difficult to pronounce....and sometimes you just want to make everything fast and to run away and seek for shelter where your words could be cure with a positive thinking.

Right now I feel I need my shelter to stay on my own and face me and my creativity to find a way to front the world in a good way....it's right you have to find yourself before to find or help someone else.

Best to all the travellers...

PS: today I will see the correction on my past posts (my english teacher help me) so I will rewrite the wrong sentences :)

martedì 10 maggio 2011

Brùna



"Spalanchi le finestre o scendi tu
tra la folla: vedrai che basta poco
a rallegrarti: un animale, un gioco
o, vestito di blu,

un garzone con una carriola,

che a gran voce si tien la strada aperta,
e se appena in discesa trova un'erta
non corre più, ma vola." (Saba)






A volte la vita è imprevedibile, ti dona momenti di gioia improvvisi e attimi di serenità e di colpo è come se tutto si riequilibrasse da se, in un battito di ciglia.
Decidi di spalancare le finestre e scendere tra la folla e scopri che in questo modo ti è data la possibilità di cambiare percorso, che così hai scelto un'altra via...un nuovo viaggio.
Il passato è una brutta bestia che a volte ti tiene ancorato e, quando percepisce che te ne stai andando, lancia le sue ultime zampate per vedere se in qualche modo può trattenerti, se può ancora prenderti e farti suo....magari per qualche attimo ci riesce, ma poi diventa così forte la voglia di andare e c'è quel nuovo da conoscere che ti tenta e al contempo ti spaventa...
Sensazioni nuove, che colpiscono come un'improvvisa stoccata...
delicate presenze che si inseriscono naturalmente nel corso della vita e si impongono con una tale leggerezza che sembrano esserci sempre state...
è difficile, anche lasciarsi andare alle sensazioni positive...è difficile...le ferite a volte sembrano non volersi rimarginare, siamo legati ai nostri limiti che non capiamo oppure capiamo ma non riusciamo a lasciare andare del tutto...è come lanciarsi in mare aperto e sentire un'alga legata alla caviglia...
voglio divincolarmi...voglio prendere quelle onde là davanti...non so cosa mi aspetta, non so cosa sarà ma voglio prendere il largo e lasciarmi trascinare da questa nuova corrente...
magari con le alghe sarebbe meglio fare un bel sushi e via...staccarle, cucinarle, ingoiarle, digerirle, espellerle  e via verso quel bagliore sulle creste...

giovedì 5 maggio 2011

What is truth?

Photo by FABRIZIO FERRI http://www.fabrizioferri.com/







"Truth is an insightful journey into the heart and soul of the subject" (Fabrizio Ferri)









I'm looking at the web-site of this amazing and famous photographer...Every time I find really interesting to read the bio/about-me cause I always find some new sentence that could inspire me.
The Ferri bio starts with the words above and than he explain that in his photos he try to put the heart of the subject but with a style that rapresent the artist. It's more or less a month that I had have the chance to be photographed by Sara Lando and happens a thing that has happend also the last sunday when I went out with a friend of mine photographer...both of them told me something that "wake me up" . After some time talking they both told me something about my posing and the sentiment connected with this act...and then, smiling, they both told me "I'm a photographer while I'm talking with you I'm looking at your image, best side, skin, posture..."
I think I have to improve about this analyzing thing...
The photographer has to be a good observer and in the 5 minute before the shooting where he try to let you feel comfortamble he is also looking at all the aspect of the photo trying to improve the result, costumizing the situation on you but putting his own mood, style.
I don't know if it could be define as "the truth" but I think that it's a great and professional way to work with other people and it lets you learn something new and nice every time...
I have to try and improve my skills...

And I wanna use this ability also in "normal life"...cause it's always amazing a "journey into the heart and soul" of everyone...it's a challange that always  leave you with something more...

martedì 3 maggio 2011

you made my day

I'm so, so PROUD....

I know I have wrote the same thing on my flickr but this amazing photos completly made my day...
so one again...

PHOTOGRAPHER: CLAUDIA BOZZETTI
model: ME

I'm SO PROUD...
These photos are taken by a student of mine.
In october 2010 I met Claudia and she asked to me to teach her the basic of photography...we start from iso, aperture, time etc...and then go on with all the other things...The last time we met we went outside to learn having photos with both ambient light and ambient+flash...and she used me as model...
This set is the result of that day...

I put it on MY FLICKR cause she don't have one...she think she is not so able to create her own...I wanna that everyone could see her amazing work...it's time for her to open her own flickr and join the photographer community :D

Come on Claudia, you are ready and I'm so proud of you and happy for the amazing photos you give to me :D

venerdì 29 aprile 2011

not taken offence

  Ok, it's not a big problem but a small thing that make me mad....
the small flyer that douring the night someone put on your car...better on the back window (just to be sure that you discover it only at the last last minute)...better if it rained during the night and it is completly wet...and it is glue on the window...

Today I was late and so I jumped in the car and combined the movement of the key, the seat belt and fast drive up to the motorway...But...looking back to see if there was some car or other...what I found...that white flyer with green slogan...
It was impossible to stop and put it away...I was in a big street and there was only the motorway in front of me...so I had to let him move in the air...
I tryed to start the windscreen wiper...but nothing, it remained there...immovable.
I tryed again...and again...and again
then I stopped and gave attention to the road...much more better...

But I just wanna say to all that people that during the night decide to put the flyer on the car...STOP IT!!!
It's really really annoying to find it in the morning when you are IN the car and in fact you have jus start DRIVING....
So please leave it on the door, on the chair, step, postbox...wherever but NOT there...

I assure you that no one really read it beacuse when you finally stop the car, you are so angry and frustrated that you just wanna destroy that flyer and put it in the nearest bin....

Oh My God...I was really late so I remember that I didn't take it away. I have to remember this thing before to leave for the lunch time :)

giovedì 28 aprile 2011

Non detto







Tutto quello che non viene detto, spiegato, illuminato, rende un’immagine potente. (Sara Lando)








Viaggiatore, oggi leggevo uno dei miei blog preferiti (vecchi post) e mi sono imbattuta in queste considerazioni...e nella loro verità. Spesso le sensazioni più potenti ci vengono dal non detto...oserei aggiungere però una specifica, il non detto ma immaginato. Quelle cose che restano nascoste ma che sono intuibili...
E' come avere uno di quei giochi...unisci i puntini e ce ne sono solo metà ma io unendo quella metà posso immaginare il resto e quella mancanza rende il gioco ancora più avvincente. Aggiungendo inoltre l'emozione di non sapere se sarà certamente così. Un piccolo senso di rischio e pericolo che tiene l'adrenalina alta...
Ovvio evitiamo di farci troppi film nella vita e consideriamo che quel nero accanto alla porta e quella lama di luce potrebbero nascondere cose e messaggi completamente diversi...ma, giusto per provare, perchè non lasciarci trasportare dall'emozione?

Durante un'intervista il giornalista chiese a Stephen King  se fosse in grado di scrivere un romanzo di una sola riga: King rispose “L’ultimo uomo rimasto sulla Terra è chiuso nella sua stanza. Bussano.”

e qui aggiungerei anche la superpotenza delle parole e di come vengono abbinate.


mercoledì 27 aprile 2011

Music and math

http://www.earslap.com/projectslab/otomata

Non riesco a staccarmici...maledetta la persona che mi ha dato questa droga...
ma come si fa a resistere? Matematica e musica e mix delle due...quale cocktail migliore?
Venite miei Alice....vanite a vedere il mondo delle meraviglie....vi canterò, vi canterete da soli una splendida sinfonia...

mercoledì 13 aprile 2011

I pirati del merito



"18 pubblicazioni internazionali, 32 articoli di rilievo...ma sta qui doveva venire a fare il nostro concorso? Ma vai a fare i soldi in america....puttana"








Ieri ho visto "C'è chi dice no" di Avellino. Era da un po' che non mi gustavo un film del genere, niente amore, sesso, azione ma una storia vera, comica nella sua tragicità e verità. Un film di leggera denuncia che forse, come alcune critiche riportano, tratta il problema ma ha quasi paura di renderlo troppo grande.
Penso non ci sia bisogno di "renderlo grande" ostentando perchè basterebbero due parole per far capire a chi ha provato i soprusi di una non-meritocrazia.
In sala saremmo stati una ventina di persone (peccato) ma dalle risate e i commenti sussurrati capivi come tanti dei presenti avrebbero fatto le stesse cose dei protagonisti, come le frasi di ira e ironico cinismo siano state pronunciate più volte con senso liberatorio anche dagli spettatori.
Frasi serrate, azioni ridicole...ma quel finale tipico italiano che ti fa uscire con il sorriso congelato in faccia...quando ridi ridi ridi e alla fine è come se uscisse qualcuno a dirti "see ridi va che la mamma ha fatto gli gnocchi". Ti senti rilassato, di buonumore perchè hai "fatto endorfine" e al contempo sei incazzato come una bestia perchè dici "ma è tutto vero e nulla cambia, e che ci faccio io qui...l'immolato sull'altare della patria per salvare un mondo che non ha palle di essere salvato?"

"Ahi serva Italia" dal 1200 ad oggi...

esco e penso ai miei compagni di università e poi mi permetto di arrivare ai miei compagni di liceo...faccio l'appello e arrivo quasi ad elencare tutti gli stati più noti del mondo: il meno densamente popolato da questi elementi? l'Italia (o meglio, quello popolato da chi ha seguito le "orme di famiglia"). Poi ripenso a "vieni via con me" a come mi ero sentita per un momento parte di qualcuno che combatte per il meglio, poi ripenso alla fine di questo film e sono divisa, combattuta e incazzata...anche se sto ancora ridendo...
ma dove finiremo se tutti questi se ne vanno, se non ci sono più i miei compagni di cui ho fiducia chi è che si sta facendo strada per guidare questo paese?
Vi prego...non datemi una risposta...se state zitti sappiamo entrambi qual'è

martedì 29 marzo 2011

Riverside

"Look at the stones on the river bed"
 Viaggiatore,
         oggi mi sono imbattuta in Agnes Obél e in Riverside. Dopo aver ascoltato la canzone ho cercato il video già immaginando una classe ripetuta dalle note alle parole fino alle immagini.
Tutto rievoca le passeggiate in riva al fiume quando guardi l'acqua scorrere e senti i tuoi pensieri perdersi in quei rumori dolci e calmanti. 
Mi piace raccogliere le pietre sulla riva, levigate da anni di ininterrotti scontri incontri.
Pietre che hanno visto vite, che si sono smussate nel tempo, perdendo i loro spigoli e assumendo quella dolcezza e delicatezza che le rende, a prescindere, preziose.
Rigirando nella mano quelle forme e guardandole penso a me, a noi, a come la vita ci smussi gli spigoli. Rimaniamo sempre della stessa forma, conserviamo il colore, la consistenza e il cuore...solo l'esterno viene pian piano levigato, è come se alcune parti si sublimassero e diventassero curve di un nuovo sentiero.
Diventiamo armonici con noi stessi e apparentemente più piacevoli e maneggiabili dall'esterno...ma avete mai provato ad incastrare due cerchi? Si toccheranno in un punto ma non si incastrearanno. Le curve possono combaciare ma è raro. La morbidezza rende armonici e apparentemente più accomodanti ma in un certo qual modo tiene le distanze. Le curve poi hanno una resistenza maggiore agli sforzi, uno spigolo è un punto delicato e se sforzato può cedere, fare una breccia verso l'interno e la divisione.
Levigandosi proteggono meglio l'interno, il cuore più prezioso e puro.
Pietre bianche, nere, verdi....di ogni colore e forma...dolci, pure, perfette nella loro resistenza al mondo...e misteriosamente proteggono se stesse.

giovedì 24 marzo 2011

Viaggio al Nord




I viaggi sono i viaggiatori 
Fernando Pessoa





A brave parto, un viaggio di due giorni, verso il Nord, sperduto e apparentemente freddo. 
Ne sentivo il bisogno e questo improvviso andare che fino a ieri non era nemmeno programmato e nei pensieri mi fa sentire bene. Per una serie di coincidenze parto da sola e il tragitto fino alla meta è una mezza odissea (una macchina, un aereo, due treni, un autobus)...ma quanto amo questo fatto?
Come dicevo anni fa soffro lo zugunruhe e ne soffro ancora...e questo è uno dei due periodi dell'anno in cui più si fa sentire...
Sono emozionata, non vedo l'ora che sia quella data. Perchè amo il fatto stesso del viaggio, del movimento.
L'atmosfera dell'aeroporto, della stazione ferroviaria, i treni pieni di gente con vite loro e che ti permettono di vedere e assaporare paesaggi che non sono tuoi, che restano, per quanto civilizzati, selvaggi ai tuoi occhi.
Essere italiana e non farlo sapere, muoversi nell'abitudinarietà delle altre persone, tu unico elemento di disturbo, non armonico e al contempo inconsiamente adatto all'immagine, al frame della vita.
Solo tu sai di essere un elemento "fuori dal coro".
Questo viaggio mi piace perchè porta in un paese sperduto, un paese che quasi nessun turista visiterebbe, sperduto al confine fra due nazioni, dimenticato a dormire sul Mar del Nord. L'ultima volta che sono stata in un posto simile è stato... fatico a descrivervi una cosa se non l'avete mai provata e se l'avete provata capirete. Quando siete da soli e camminate in paesi piccoli e nuovi e siete in silenzio, solo voi e i vostri abiti, una borsa normale per confondersi. Chi vi passa accanto non può sapere che siete stranieri, che non venite da lì e quindi non vi bada. E il paese ignoto è lì per voi, con il suo fascino privo di elementi da "guida turistica" ma con la semplice bellezza di un paesaggio umano. Sono nuove scoperte, nuove immagini che riempiono lo sguardo, che gli danno vita. E' un altro anonimato. E' un bimbo che impovvisamente vede i peschi in fiore. E la scintilla di qualcosa di nuovo. 
Pregusto già il mio posto sul treno vicino al finestrino, la musica o il semplice rumore delle rotaie e la città...la periferia...i campi...il paese...i campi...il paese...il mare...







mercoledì 16 marzo 2011

Mantra e rosari

"Ora pro nobis" "Aum"

Viaggiatore, l'altro giorno ascoltavo il rosario condiviso per la morte di mia nonna.
Non ho mai frequentato la parrocchia e sugli argomenti religiosi, come su molti altri, ho una mia particolare visione vicina all'agnosticismo ma fondamentalmente liberarle e nel rispetto delle altrui scelte sempre nei limiti della non lesione delle singole personalità. Ma non è questo quello di cui volevo parlare.
La riflessione nasce proprio dalla partecipazione al rito del rosario (credo fosse la prima volta) e da delle considerazioni condivise in famiglia subito dopo.

Quelle litanie pronunciate con voce profonda e bassa, la ripetizione della stessa formula, i 50 epiteti per definire Maria e i 50 "prega per noi"... sono un rito. Sentirli mette in connessione con i proprio pensieri e con se stessi esattamente come i mantra condivisi da altri riti.
L'Ohm non è altro che una forma diversa della parola "Amen" in una lingua diversa.
E l'effetto della litania è lo stesso, nel movimento delle parole e nelle sonarità basse, gutturali, nelle ripetizioni si procede con quella regolarità del respiro con quel cadenzare che serve a dare "stabilità", tranquillità e sicurezza.
Sono certa che se chiedessi di fare yoga dicendo "prega per noi" invece di "ohm" una buona parte delle persone mi guarderebbe allibita e mi lascerebbe lì da sola, indignandosi per la richiesta poco "democratica e aperta". E' questo che intendevo con il mio essere liberale.
Non voglio entrare nel merito del cattolicesimo e della chiesa, non voglio nemmeno sfiorare quell'argomento che è talmente complesso da meritare un blog solo per sè.
Mi piace però notare la comunanza donata dalla parola e dalla voglia dell'uomo di trovare pace e armonia.
Ricordavamo in casa i periodi in cui le donne, la sera, si ritrovavano a far filò e ogni filò era preceduto dal dire il rosario insieme mentre si cominciava a lavorare alla maglia insieme...non era forse questo un modo di entrare in quello stato di rilassatezza, di interiorizzazione e pensieri che poi avrebbe aiutato nelle chiacchere lascive successive?
E ora, si organizzano sessioni di yoga al tramonto di fronte al sole che cade (sempre con lo stesso colore arancione di un fuoco nel camino) e si eseguono dei gesti insieme e si pronunciano i saluti sanscriti o indiani che hanno le stesse tonalità basse, gli stessi suoni...per poi sciogliere le posizioni e chiaccherare un po'.
Prendiamo i suggerimenti degli psicologi emozionali, dei life coacher, che ti dicono di ripeterti una decina di volte con voce basse frasi del tipo "va tutto bene e andrà sempre di bene in meglio", "trovo la sicurezza in me stesso" "io posso amare"...provate, sedetevi o distendetevi e cominciate a dire con scadenza precisa e voce bassa monotòna queste frasi...
non vi torna alla mente un fuoco nel camino e tante donne che parlano con in sottofondo il rumore dei ferri da calza?

Le forme e i principi che stanno dietro tutto sono sicuramente diversi ma le persone sono semplici e in molte non c'è cosciente malizia ma ricerca di soddisfare un bisogno di interiorizzazione e pensiero.
A volte bisognerebbe staccarsi un attimo da tutte le dietrologie che nascano spesso in questi casi e guardare con tranquillità ai gesti capendo che forse sono solo modi di soddisfare un bisogno.

Ora concludo lasciando a voi il mio "mantra personale"...senza pensarci me lo ero creato da sola nei momenti in cui trovavo difficoltà all'università, i momenti in cui tutto mi sembrava enorme...
ecco a voi
"anche la stella più lontana è comunque vicina"

lunedì 21 febbraio 2011

Quieta abitudine




"I am your greatest helper or heaviest burden.
I will push you onward or drag you down to
failure.
I am completely at your command."







A volte mi trovo a contemplare la quieta abitudinarietà del trascorrere del tempo.
Il piacere di riempire la casa del profumo di cucina, dell'odore della compagnia, del vissuto...quel sapore di parole raccontate in pomeriggi uggiosi, di immagini condivise e di piccole esplorazioni locali.
Quel cambiare un poco la disposizione dei mobili per cercare qualcosa di diverso, quella quiete di sedersi alla luce soffusa a scorrere un libro concedendosi piccole trasgressioni alla dieta.
Ti soffermi nella serenità di queste piccole cose e ti senti in pace, sereno.
Il calore quieto di un disegno noto. Difficile forse, conquistato a fatica, ma che diventa pian piano noto e amico.

A volte questa quiete lascia a posteriori un po' di riflessioni. Percorrendo in macchina il percorso quotidiano mi vedo l'alba di fronte e scorro il percorso della vita, a volte si ha quell'impressione di tutto uguale, che si ripete in forme e colori uguali. Abbiamo forse perso un po' quel senso di serenità e tranquillità del vivere ogni giorno sereno...è come se al giorno d'oggi avessimo bisogno sempre di un evento eclatante, di uno scossone emotivo, di una botta per sentirci appagati e vivi.
Anche io mi accorgo di soffrire un po' di questa "frenesia" di questo sentimento che tende a dar valore alle cose solo se ci sono stati eventi eclatanti in mezzo...a volte però mi fermo e dico "questi momenti esistono, ci sono stati e ci saranno sempre ma con la loro ricorrenza, il bello è godersi anche e soprattutto le piccole abitudini di tutti i giorni, cercare ogni giorno qualcosa di nuovo che ci dia gioia e piacere e accettare che può essere anche solo bere un caffè al ginseng invece di uno normale"

Farsi prendere dalla frenesia e dall'ansia di dover per forza "fare qualcosa" e che sia il più possibile eclatante e cercare che porti una "svolta" a volte porta solo stress e spesso più si ricercano questi momenti meno si trovano...dovremmo imparare tutti un po' di più la bellezza di un the caldo e un buon film.

Buon inizio settimana viaggiatori

venerdì 11 febbraio 2011

The King's Speech





Lionel:
"Dimentica il resto e dillo solo a me"






Ieri sera ho visto "Il discorso del re", un film che lascia il segno nella sua ironia e dolcezza...mi riprometto di guardarlo in lingua originale poichè dicono sia ancora più coinvolgente.
Prendo spunto da questa storia vera per parlare del senso che ti lascia e che per me è rappresentato nella frase riportata...

"Dimentica il resto e dillo solo a me"
Ognuno di noi ha una voce unica ed inimitabile, una voce che viene dall'interno che racconta, che ti racconta, nelle tue gioie e nelle tue sofferenze, nei momenti felici e in quelli bui...nelle ferite che colpiscono e che arrivano così in profondo da non farti più parlare. A volte i fatti si metabolizzano in disturbi, non solo del parlato ma di ogni tipo.
La guarigione è avere qualcuno che ti ascolti, non un ascolto semplice, un ascolto attivo, empatico, delicato...
Mi torna in mente anche "Momo" di Ende, questa bambina che aveva lo straordinario dono di ascoltare con attenzione e tutti stavano bene in sua compagnia perchè sebbene lei non dicesse nulla era più importante di ogni "consigliere".
E arrivi ad un livello di condivisione, ti senti finalmente di poter aprire il cuore, parlare, agire superare te stesso perchè ti senti al sicuro, senti la presenza dell'altro e il suo stare zitto o inserire semplici frasi che non sono nè di compianto, nè di rammarico, nè di falso dispiacere...
e diventa uno strumento potente...
senti di poter rinascere nel parlare... e, facendo finta di "dirlo solo a te" riesco a dirlo a me stessa e al mondo.
Quei legami a due a due che diventano rispetto ammirazione stima....amicizia.

giovedì 10 febbraio 2011

A human being that was given to fly






" Si alzò e se ne andò da là, corse per centinaia di miglia Arrivò all'oceano, si fumò una sigaretta su un albero Si alzò il vento, lo mise in ginocchio Un'onda arrivò schiantandosi come un pugno sulla mascella Gli donò le ali"

Given to fly (Pearl Jam)





Oggi mi sono imbattuta in questa canzone, in questa immagine...scorrendone altre che passavano sullo schermo. Nuovi mondi che ti si aprono quando ne hai più bisogno, nuovi contatti che mutano forma, alla ricerca di una crescita continua...quella tensione alla conoscenza, al crescere che alcune persone hanno e non riescono a farne a meno.
Quanto è bella questa immagine, un uomo che si libera dal suo corridoio chiuso da un lucchetto e corre, corre fino all'oceano dove il vento e le onde, dove la natura, lo schiaffeggia in faccia e ,come si risvegliasse, come rinascesse, inizia a volare...
Alcune immagini in cui mi imbatto ancora creano un senso di vuoto allo stomaco, ancora sento che aprono cassetti che non sono pronti ad aprirsi.
Altre mi portano sul bordo di quell'oceano e mi fanno sentire la salsedine e il vento, mi danno le ali...verso nuove mete, verso nuove ricerche, verso mondi da scoprire...
Il curioso desiderio di colmare e alimentare la curiosità

martedì 8 febbraio 2011

Il dolce piacere di non esistere


Dicono che se non sei su facebook non esisti.
Ieri ho cancellato completamente il mio account...
ed è un dolce piacere.
Il non esistere...mi ricorda quando abitavo a Milano.
Una cosa che mi piaceva di quella metropoli e delle metropoli in genere è proprio questa possibilità di passare indisturbato, non notato.
Cammini per strada, incroci persone e non sai chi sono e non sanno chi sei.
Niente condivisione di dati, niente parole a caso.
Per intuire i loro sentimenti ti basta guardarli in faccia, il volto corrucciato o aperto ad un dolce sorriso. Il passo veloce o calmo e posato. Il vestito sdrucito, il cappotto stirato, la sciarpa a penzoloni...andavo per le strade e mi guardavo attorno e sentivo la vita senza sentirmi in pericolo, senza sentirmi urtata se coglievo uno sguardo che si posava su di me per "conoscenza".
Era diverso, era immaginarsi le vite degli altri e lasciarle...era sognare, era scrivere, era creare...
Poi con i nuovi siti siamo entrati a sapere tutto di tutti a leggere frasi lasciate ogni minuto...a immaginare le vite dietro ma in modo diverso, meno romantico...a sapere che chi guarda la nostra pagina non sa la verità, si farà un film ma un film condizionato, una creatività limitata e sterile, non produttiva e costruttiva.
Il motivo vero dell'abbandono...sono troppo fragile e sensibile e...voglio vivere nel mio mondo.
Forse così facendo non mi rendo conto di dove "stanno andando gli altri" ma non so se è nemmeno così vero...
Dicono che la positività attiri positività e viceversa per il negativo...
Sono stufa di leggere rancori, lamentele, superficialità, di vedere frasi gentili scambiate fra persone che so benissimo odiarsi tutto per la fruizione di un mondo "virtuale"
Quando ho detto alle persone più vicine che avevo fatto il "facebook suicide" molti mi hanno detto "ci stavo pensando anche io"...mi viene da sorridere. Dopo aggiungono..."in realtà lo tengo ma vedo di controllarmi". Un altro sorriso.
E' bello...sapere che non esisto più. Andando al parcheggio della ditta in pausa pranzo pensavo...sono fuori...e improvvisamente mi sono sentita di nuovo su quel viale che costeggia la stazione dei treni di Cadorna, in quel tardo pomeriggio invernale, fra il traffico, i lampioni e la fretta, con gli auricolari e l'odore frizzante dell'aria invernale.
Mi sono sentita pura nel mio anonimato...